Riprendiamo

Ricominciamo oggi con il menù, ieri non ce l’ho fatta ad aggiornarvi perchè ero stanca morta dal viaggio….

Riprendiamo ed alla grande con il super consiglio del nostro esperto Damiano, ( che non ha potuto ancora lasciarci un commento qui sul blog, poichè oberato di lavoro, non per colpa mia ovviamente ahahah)

Nel prossimo post poi vi faccio la quarta rivelazione…

Dicevamo il menù di oggi,

  • Scaloppine al profumo di bergamotto e senape
  • Peperonata
  • Mini pandorino

Per le scaloppine:

  • 3 bistecche di manzo
  • 2 chucchiai di farina
  • il succo di mezzo bergamotto
  • 1 cucchiaino di senape
  • sale rosa dell’ Himalaya
  • olio evo

 

Mettere a scaldare l’olio con il cucchiaino di senape, nel frattempo infarinare le bistecche. Quando l’olio è caldo mettere a rosolare le bistecche da entrambi i lati, salare ed aggiungere il succo del bergamotto. Mettere il coperchio e fare andare per 10 minuti….

scaloppine

Per la peperonata:

  • 3 peperoni rossi
  • 1 melanzana
  • 1 cipolla
  • 1 bottiglietta salsa di datterini
  • peperoncino
  • sale rosa dell’Himalaya
  • olio evo

Per questa ricetta ho utilizzato il Monsieur Cuisine. Ho pelato la cipolla, divisa a metà ed inserita nel boccale a velocità 5 per 30 secondi.

Ho aggiunto l’olio e un cucchiaio di acqua ed ho fatto soffriggere 3 minuti a 100° velocità 1.

Nel frattempo ho tagliato i peperoni a tocchetti, al termine dei tre minuti ho inserito nel boccale la lama a farfalla, ed i peperoni, ho fatto andare a velocità 1 per 15 minuti a 100°, intanto ho tagliato la melanzana a cubetti. Passati i 15 minuti, ho aggiunto le melanzane, la salsa, il sale ed il peperoncino ed ho continuato la cottura per 15 minuti ,100°, a velocità 1.

Ho terminato la cottura 6 minuti modalità S.F. per 6 minuti, senza tappo.

peperonata

Per questo menù il nostro esperto ci consiglia un Nabucco, rosso, fermo ottenuto esclusivamente con uve barbera e merlot, dei vigneti sulle colline di Ozzano Taro, comune di Collecchio. Gradazione importante 14.5° del 2011…. ( molto dettagliato e preciso…..che ci vogliamo fare gli esperti un pò pignoli sono ihihihi), scherzi a parte, un consiglio da buon intenditore.

Per il pandorino:

  • 270 gr. di farina
  • 100 gr. di zucchero
  • 2 uova intere + 3 tuorli
  • 180 gr. di burro morbido
  • 50 gr. di acqua
  • 1 bustina di vanillina
  • 20 gr. di pasta madre con lievito disidratata
  • Stampo pandorino in silicone

Mi sono fatta aiutare dal mio cuco, ho inserito la lama impasti insieme al burro, velocità 3 , 45° per 3 minuti, al termine ho inserito la pasta madre e l’acqua ed ho impostato a velocità 4 per 30 secondi. Al termine ho aggiunto le 2 uova + i 3 tuorli, lo zucchero e la bustina di vanillina, impostata la velocità a 4 per 4 minuti, passato un minuto ho aggiunto la farina dal tappo, al termine ho lasciato lievitare per 4 ore. Trascorso il tempo di lievitazione ho fatto un reimpasto a velocità 4 per 30 secondi.

lievitazione

Versare poi l’impasto nello stampo e coprire con la pellicola fino al raggiungimento dell’impasto al bordo. Infornare a 200° per 10 minuti, a forno statico, poi abbassare la temperatura a 180° e lasciar cuocere 50 minuti. Lasciar raffreddare ed impiattare spolverandolo con lo zucchero a velo.

pandorino

Direi che come primo esperimento possa andar bene. A tra poco con il post della quarta rivelazione.

 

 

Un commento:

  1. Le scaloppine al profumo di bergamotto e senape non le avevo mai assaggiate. Vi consiglio vivamente la ricetta, pietanza davvero appetitosa…. il mio palato ha gradito molto. Idem per la peperonata.
    Il pandoro non rientra tra i miei dolci preferiti. Oggi ho assaggiato quello proposto in ricetta e vi assicuro che mi è piaciuto tanto e che, raffrontato a quelli in commercio, prodotti dalle marche più note, non ci sono paragoni….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: